LIBERTY & COMPANY COLLECTION - BIRMINGHAM 1909 - 1947

COLLEZIONE DI LIBERTY & COMPANY - BIRMINGHAM 1909 - 1947

 

From the second quarter of 1900 while in Scandinavia was becoming popular the simple, attractive and functional style introduced by Georg Jensen, in other parts of Europe, including the United Kingdom, the few silversmiths who left the conservatism of their productions were more aimed at pure lines and geometric forms, not always of functional use, dictated by the Modernism continuing in a non-positive way the path opened by Christopher Dresser.

A pleasant exception in the U.K. was represented by the production of Liberty and Co. and the beautiful designs of C. R. Ashbee in "Arts & Crafts" style.

Large manufacturers such as Mappin & Webb, Walker & Hall, Elkington, William Hutton & Sons, Arthur Price & Co were mostly concerned to the merely commercial production of silverware and only occasionally engaged talented designers as was Keith Murray by Mappin & Webb.

Liberty & Company is the house founded by Arthur Lasenby Liberty (1843-1917)who, after a career start in the eclectic mixture of styles of the late Victorian period, began to produce pieces in an unmistakable and original style, in opposition to the prevailing Aesthetic Movement and the Art Nouveau.

Liberty & Co was a retailer and not a manufacture. In 1875, Arthur Lasenby Liberty  started a small shop on the corner of Regent Street in London. Specializing in exotic goods from Japan and the Far East, his business thrived, and he became a leading merchant to the upper classes, including famous members of the Pre-Raphaelite movement. The store soon became the most fashionable place to shop in London, featuring luxurious wares including fabrics, clothing, furniture, clocks, jewellery, wallpapers, and decorative objects of all kinds. His efforts to promote the Art Nouveau style, with its depiction of leaves and flowers in flowing ornamental lines, were so influential that the term “Stile Liberty” became the accepted term for the style in Italy.

The Liberty career is strictly connected to that of William Hair Haseler (1821/22 - 1909), who founded  in 1870 the W. H. Haseler & Co., based in Birmingham, specializing in gold and silver work, and jewellery.

During the 1890s, Liberty formed relationships with many leading English designers. In 1898, Liberty and Haseler created a formal partnership to launch the Cymric silver line under the title “Liberty and Co. (Cymric) Ltd.” using free-lance designers. One of those designers, Archibald Knox (1864-1933), began designing for Liberty in 1899. He focused on the new Celtic design work for the "Cymric" range and its pewter counterpart, known as "Tudric".

Haseler was responsible for making many of Knox’s designs. Knox was a highly gifted designer and is largely credited with the success of "Cymric" silverware. He continued to design for Liberty until 1912, but its work was commercialized up to the mid-XX century

After the death of William Hair Haseler, his company continued in partnership with Liberty until 1926.  Haseler pieces can be found in the collections of the Victoria and Albert Museum in London, as well as many other museums throughout England.

 

DESCRIZIONE IN ITALIANO

 

A partire dal secondo quarto del 1900, mentre in Scandinavia si andava affermando lo stile semplice, piacevole e funzionale di Georg Jensen, in altre parti di Europa, tra cui il Regno Unito, i pochi argentieri che avevano lasciato il conservatorismo delle loro produzioni, si erano più rivolti alle linee pure ed alle forme geometriche fini a se stesse e poco curanti della funzionalità degli oggetti, dettate dal Modernismo, proseguendo in maniera non  positiva la strada aperta da Christopher Dresser.

Una piacevole eccezione in Inghilterra è rappresentata dalla produzione "Cymric" (letteralmente "gallese") di Liberty e Co. e i bei disegni in stile "Arts & Crafts" di C. R. Ashbee.

Le grandi manifatture come Mappin & Webb, Walker & Hall, Elkington, William Hutton & sons, Arthur Price & Co, erano invece più che altro interessate all’aspetto meramente commerciale della produzione argentiera e solo occasionalmente ingaggiarono designers di talento come avvenne per Keith Murray da parte di Mappin & Webb.

Liberty & Company è la casa fondata da Arthur Lasenby Liberty (1843-1917) che, dopo un inizio di carriera nell'eclettico mixing di stili del periodo tardo vittoriano, inizia a produrre pezzi in uno stile inconfondibile ed originale, in contrapposizione agli allora imperanti Aestetic Movement e all'Art Nouveau. E' curioso notare che in Italia il "Liberty" è invece sinonimo di Art Nouveau, intendendo per Art Nouveau, come nella gran parte del resto d'Europa, uno stile di fatto diverso nei contenuti e nelle forme dall'Art Nouveau britannica.
 

Liberty & Co è stato ed è tuttora solo un rivenditore. Nel 1875, Arthur Lasenby Liberty apre un piccolo negozio all'angolo di Regent Street a Londra. Specializzato in merci esotiche dal Giappone e dall'Estremo Oriente, la sua attività prospera e diventa un mercante di primo piano per le classi più agiate, inclusi famosi membri del movimento preraffaellita. Il negozio divien presto il luogo più alla moda per fare acquisti a Londra, con articoli di lusso tra cui tessuti, abbigliamento, mobili, orologi, gioielli, carte da parati e oggetti decorativi di ogni tipo. I suoi sforzi per promuovere lo stile Art Nouveau, con la sua raffigurazione di foglie e fiori in linee ornamentali fluenti, sono così influenti che il termine "Stile Liberty" divenne il termine accettato in Italia per lo questo emergente stile.

La storia di Liberty è strettamente legata a quella di William Hair Haseler (1821/22 - 1909), un argentiere e gioiellere di Birmingham che nel 1870 fonda la W. H. Haseler & Co., specializzata in lavori in oro e argento e in gioielli.

Durante gli anni 1890, Liberty stringe rapporti con molti importanti designer inglesi. Nel 1898, Liberty e Haseler entrano in partnership per lanciare la linea d'argenteria cosiddetta "Cymric" (letteralmente "Gallese") fondando la "Liberty and Co. (Cymric) Ltd.". Collaborano con designer free-lance, tra cui, nel 1899, Archibald Knox (1864-1933), che si concentra sul nuovo filone di design "celtico" per la gamma "Cymric" e la sua variente in peltro, nota come "Tudric". Haseler è stato  responsabile della realizzazione di molti dei progetti di Knox.

Knox è stato un designer di grande talento ed è ampiamente riconosciuto come il massimo fautore del successo dell'argenteria "Cymric". Knox ha continuato a collaborare con Liberty fino al 1912, ma i suoi lavori sono stata utilizzati fino alla metà del XX secolo.

William Hair Haseler muore nel dicembre 1909, ma la sua azienda continua la collaborazione con Liberty fino al 1926. I pezzi di Haseler si trovano nelle collezioni del Victoria and Albert Museum di Londra, così come in molti altri musei in tutta l'Inghilterra.

 

 

Tray - Birmingham 1907

Vassoio - Birmingham 1907

Milk jug - Birmingham 1910

Lattiera - Birmingham 1910

Milk jug and sugar bowl - Birmingham 1911 - 1912

Lattiera e zuccheriera - Birmingham 1911 - 1912

Belt backle - Birmingham 1912

Fibbia per cintura - Birmingham 1912

Sugar bowl - Birmingham 1915

Zuccheriera - Birmingham 1915

Tea kettle - Birmingham 1924

Bollitore per il tè - Birmingham 1924

 

Cake/pastry forks - Birmingham 1924

Forchette da dolce - Birmingham 1924

 

Teapot - Birmingham 1927

Teiera - Birmingham 1927

 

Cocktail spoons - Birmingham 1928

Cucchiaini da cocktail - Birmingham 1928

 

Coffee spoons - Birmingham 1939

Cucchiaini da caffè - Birmingham 1939

Tea caddy - Birmingham 1942

Scatoletta per il the - Birmingham 1942

Coffee spoons - Birmingham 1947

Cucchiaini da caffè - Birmingham 1947


 

 

 

^inizio pagina